SINFI e GIS: due risorse fondamentali per le infrastrutture del territorio

Le infrastrutture del territorio possono avvalersi di due importanti strumenti, due risorse fondamentali rappresentate dal SINFI e dai GIS.

Il termine SINFI è l’acronimo di “Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture” e rappresenta il catasto nazionale delle infrastrutture entrato in vigore con apposito decreto già nel 2016. Si tratta di uno strumento presente online all’indirizzo https://sinfi.mise.gov.it/, gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, che riporta tutte le informazioni che riguardano le molteplici infrastrutture presenti sul territorio, sia nel sottosuolo che nel sopra suolo, in modo da rendere più veloce e omogeneo lo sviluppo delle reti a banda ultralarga e ottenere un notevole risparmio sulle spese di collocazione della fibra, tutto ciò al fine di incentivare gli investimenti infrastrutturali nell’ambito delle telecomunicazioni in sinergia con la Strategia Italiana per la Banda Ultralarga e con quanto riportato dall’Agenda Digitale Europea.

Già il decreto del 2016 che poneva in essere il SINFI, recependo le direttive della UE del Parlamento Europeo e del Consiglio, stabiliva le regole tecniche e le modalità per la costituzione, la consultazione e l’aggiornamento dei dati territoriali in possesso delle pubbliche amministrazioni e dei soggetti proprietari o concessionari di infrastrutture di gas, luce, acqua e telecomunicazioni, i quali devono a tutt’oggi rapportarsi con il catasto nazionale delle infrastrutture comunicando a quest’ultimo le informazioni in loro possesso.

 

In questa strategia di monitoraggio delle infrastrutture del territorio altra risorsa fondamentale è costituita dal Sistema Informativo Geografico, GIS appunto, che trova ormai applicazione, oltre che nei settori specifici, anche nella quotidianità con impieghi e risultati davvero sorprendenti.

 

E di GIS si occupa OIKOS Engineering Srl, un’azienda che guarda al futuro e che ha prodotto una soluzione software in grado di gestire le informazioni riguardanti le Reti Tecnologiche della PA e dei detentori dei Servizi in modo coerente con quelle che sono le direttive tecniche del SINFI giungendo così ad una soluzione ottimale che permette di aggiornare in modo automatico i dati territoriali, secondo le specifiche contenute nel modello dati, garantendo la conformità del modello stesso agli standard nazionali, come stabilito dal D.M. del 10 novembre 2011 sui database geo-topografici, ed europei, come prescritto dalla Direttiva INSPIRE, in materia di dati territoriali.

 

Nello specifico la piattaforma Gis/Web realizzata da Oikos è capace di effettuare le attività di controllo e validazione del dato di gestione interna e di attuare l’inoltro automatizzato alla Piattaforma Nazionale SINFI, garantendone in questo modo la perfetta adesione alle Specifiche di riferimento del Data Base Topografico redatte dal Gruppo di Lavoro 8.

 

Grazie alla vicinanza alle Pubbliche Amministrazioni Locali, Oikos Engineering si è rivolta verso le Public Utilities, cui prospetta soluzioni software innovative, flessibili e continuamente aggiornate. L’azienda è in grado di tradurre competenze maturate in applicazioni in modo da supportare processi di business e risolvere i problemi con i quali le aziende di pubblici servizi devono fare i conti quotidianamente. Per far questo Oikos Engineering si avvale nelle proprie applicazioni delle tecnologie più moderne che provengono dalle comunità Open Source.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.